ero così concentrata
Sesso e confusione mentale

S V E G L I A T I !

Davanti a un bicchiere di rosso mi resi conto che ero così tanto concentrata sul tentare di farmi amare, che dimenticai di amare me stessa: dovevo svegliarmi.

Spesso è molto più facile rimanere a letto, avvolti nelle coperte, specialmente se il grigiore pervade la tua città e la tua vita.

Mi stiracchio, giro il culo, mi piango addosso…. ma si…. cosa me ne frega di svegliarmi; lasciami dormire, non voglio uscire, non voglio vedere  il mondo, è faticoso aprire gli occhi.

Ed ecco quella rompi coglioni della mia anima che tenta di interloquire con me:

A. “ALZATI E COMINCIA A VIVERE!”

D. “Fammi imputridire in queste lenzuola rancide di emozioni ammuffite. Sono così abbacchiata, lo vuoi capire che voglio rimanere  nella mia sofferenza??

Lasciami in pace!”

A. “Che tristezza infinita, mi fai dimenticare il motivo per cui decisi di giungere in questo corpo, abbiamo un obiettivo, ti prego, alza le chiappe. Io ti amo.”

D. “Ahahahahaha tu mi ami!

Fanculo l’ amore signora anima, puoi contar le tue storie fantastiche ai tuoi amici -spiriti di luce-, ma qui, su questa terra, l’ amore che voglio non c’è!”

A. “Quanto rompi i coglioni, il tuo cervello si è riempito di stronzate da quando sei nata, miriade di cazzate a cui,  TU e solo TU,  hai permesso di storpiare il significato della parola amore.”

D. “E sentiamo, cara anima, dall’ alto della tua onniscienza, quale sarebbe il significato di -amore-?”

A. “Lascia stare i significati, quelli ti friggono il cervello. Cerchi di dare un senso alle parole e non ti accorgi di essere un ammasso di cellule confuse, che non sanno dove  andare.

Si fanno tutte i cazzi loro, una va a destra, una a sinistra, una in basso e l’altra in alto, infine abbiamo il top: quella che  beve per non pensare, con la scusa che bevendo troverà l’ ispirazione.

Prendi questo branco di cellule, padroneggiale e dagli un obiettivo comune, Cristo!

Non hai idea di dove ti possono portare.”

D. “Non ti seguo… sono troppo impegnata a stare di merda, cerca di portare rispetto”

A. “Ahhahahahaah forse non ti sei resa conto di una cosa: l’ unica che ha smesso di portarsi rispetto sei TU!

Guardati, cribbio, sei lì che aspetti l’ amore… e hai dimenticato di amarti, sei diventata grigia, ma non lo sei.

Ecco perché stai di merda: attiri a te situazioni grigie, sofferenti, incomplete, perché ti sei voluta vestire di un colore che non ti appartiene. Se tu fossi grigia saresti felice. I grigi non sono per forza tristi, ma devono stare con i loro simili.

Ti torturerò finché non ricomincerai ad essere un Dio arcobaleno.

Cerca di avere coscienza di ciò che sei realmente, io smetterò di starti addosso e tutti i tuoi amici colori torneranno da te.”

D. “Mi piace questa tua teoria dei colori, in effetti ero sempre vestita colorata”

A. “esatto,  adesso guardati……”

La mia anima, prendendomi per mano, mi accompagnò davanti allo specchio:

davanti a me c’era una pseudo donna, spettinata, magra, triste. I suoi  occhi  erano spenti, privi di entusiasmo, senza speranza.

Faticai a riconoscermi.

D. “Sono davvero io quella?”

A. “Ma ovviamente no, pirla!

Quello è il vestito che hai voluto indossare quando hai scelto di sopravvivere anziché vivere. Toglilo, ci vorrà un po’ e  farà  male perché gli hai permesso di penetrarti per troppo tempo, ma poi sarai libera di tornare a essere quello che sei: una creatura piena di luce, pace e amore.

Vivi, amati, sei bellissima.

IO TI AMO.”

 

2 commenti

  1. Angelo/Giorgio

    15 Gen 16 at 12:29

    Cara D. mi identifico molto in questo tuo racconto in quanto l’ho vissuto per un periodo della mia vita. Ribadisco i miei complimenti al tuo modo di essere e al tuo modo di esprimerti. Ora ho ripreso ad amarmi e sono certo che l’hai fatto anche tu già da tempo…
    Ti amo un pò pure io.
    kiss

    1. 26 Gen 16 at 19:37

      🙂

Lascia un commento

Autore del post

Il nostro sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi