image
Diseducazione sessuale

Le domande più gettonate sul sesso

Avete mai notato come la gente si rapporta a te in base al lavoro che fai?

Se dici che fai il panettiere ti guardano immaginandoti infarinato dalla testa ai piedi, se sei un prof di italiano ti parleranno stando ben attenti ad usare i tempi giusti.

Non ti va meglio se sei un avvocato: tutti hanno un cribbio di vicino di casa a cui manderebbero almeno una letterina quindi, qualsiasi cosa tu stia facendo, nel momento in cui scoprono qual è il tuo mestiere, arriverà la fatidica domanda “Ma dai, sei avvocato, senti io avrei….”.

Quando fai il geometra ti guardano pensando ” …e adesso che cavolo gli posso chiedere a un geometra??”, se sei un imprenditore è la fine: non importa se hai un buco da un milione di euro, la sola parola IMPRENDITORE crea nell’ immaginario collettivo una visione economica idilliaca.

L’idraulico ha la fortuna della doppia opzione: viene immaginato con la testa in un wc o con la testa tra le gambe di una donna.

Se fossi una psicologa ometterei il mio lavoro: la gente crede che entri nella loro testa bacata con un semplice “Ciao!”.

Tra le prime posizioni del “Non rispondere quando ti chiedono che lavoro fai”, c’è quello dell’ andrologo: appena lo sapranno avranno tutti un problema alla prostata, donne comprese.

Potrei andare avanti all’ infinito, ma veniamo al dunque: al primo posto del “Non rispondere quando ti chiedono che lavoro fai” c’è il mio.

Devo ammettere che potrei diventare ricca se riprendessi le reazioni, che sono varie e alquanto divertenti; si passa dall’ espressione classica del “Che caxxarola mi sta contando questa psicopatica?”, al “Dai… bello… (non ho capito, starà scherzando)”, per finire con un “Che figata, io ho un problema, come mai……..?”.

Sono cinque anni che mi sento domandare più o meno le stesse cose: è giunto il momento di svelare quali sono le domande più gettonate sul sesso.

10 Come faccio a svegliarlo/a?
Quando me lo chiedono, e vi assicuro che me lo chiedono così, mi viene voglia di rispondere “In che senso?”.
Io non sono una sveglia umana, forse vi riferite al risveglio sessuale? Come fate a svegliare un dormiente se anche voi state sonnecchiando? Mi spiego meglio: se la parola sesso vi spaventa tanto che avete perfino paura di pronunciarla, come potete pensare di aiutare qualcuno ancor prima di aiutare voi stessi?

9 Come faccio a dirgli le mie fantasie sessuali?
Il mondo pensa che io abbia la bacchetta magica, con la quale dono il coraggio di esprimere una cosa bellissima di cui ci si vergogna. Fanxulo la vergogna, le vostre fantasie sono magnifiche, non uccidono nessuno, scrivetele se non riuscite a comunicarle in un altro modo, ma fatele uscire serenamente.

8 Quanti orgasmi esistono?
Chisssssenefregaaaaaa: GODETE, non perdetevi a fare la conta delle tipologie di orgasmi

7 Come faccio a ispirare più sesso?
Anche qui rispondo con una domanda: tu ti ispiri sesso? Sembra una domanda del ciuffolo, lo so, ma non possiamo ispirare sesso se noi per primi non ci sentiamo sexy. Per sexy non intendo le stronzate che vedete in tv o sui giornali: sexy è colei/colui che è in sintonia con il proprio sé. Non imitate nessuno, trovate il vostro stile, accettatelo, accoglietelo, mandate a cagare quello che la società vi impone come stereotipo di creatura sensuale.

6 Perché a volte fatico a raggiungere l’ orgasmo?
Perché forse stai pensando a tutto tranne che a goderti il momento in cui sei? Ti stai fando seimila seghe mentali? O ancora peggio, pensi ai piatti da lavare? Ahhhhhh ……

5 Perché gli uomini sono ossessionati dal sesso anale?
Secondo i dati che ho raccolto su un campione di 100 maschi tra i 25 e i 45 anni, è risultato che il 35% di loro non è particolarmente interessato al sesso anale, il 20% non lo ritiene indispensabile anche se gli piace parecchio, il 20% lo adora ma sostiene che sopravvive anche senza, il 15% ne fa anche a meno e il rimanente 10% non ne vuole neanche sapere.

4 Come fare bene sesso orale?
Non mi sono mai sentita la dea del sesso orale ma secondo me non c’è una regola: ognuno gode in modo diverso. Penso che l’ ideale sia comunicare, anche se eviterei frasi del tipo “Hei bambolo, non sono la regina del sesso orale, dimmi come fare, mi ha detto la Daphne che ognuno gode in modo diverso”. Teoricamente facciamo bene ciò che amiamo fare….

3 Il punto G esiste?
Non ho ispezionato tutte le signore Vagine dell’ universo, non ne ho idea, alcuni dicono di si, altri di no, altri gli hanno cambiato nome in “Zona G”. Rispondo come alla domanda 8: GODETE!

2 Quanto deve durare un rapporto per essere definito buono?
State alla larga da chi vi detta i tempi nel sesso, non state facendo una gara. Non esistono tempi perfetti o migliori, esiste quello che è giusto per voi e per il/la/i partner

1 Come faccio a raggiungere l’ orgasmo
Non pensate all’ orgasmo mentre amoreggiate, pensateci mentre cucinate piuttosto, ma durante il sessamore godete: se poi arriveranno uno, nessuno e centomila orgasmi, evviva, ma intanto GODETE senza pensare all’ obiettivo finale.

Lascia un commento

Autore del post

Il nostro sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi