2qmmve
Sesso e confusione mentale

La donna che fingeva di godere…..

 

Siccome dedichiamo codesto mese al godimento, mi sembra carino parlare anche di chi finge di provarlo, o meglio, cerchiamo di capire le motivazioni.

Purtroppo, essendo una pessima attrice da letto, non ho esperienze personali da portare… ora capisco perché non mi sono data alla porno arte… 😀 ovviamente sto scherzando!

Quello che sto per scrivere riguarda un’ intervista fatta a un centinaio di donne: l’ età va dai venti ai quarantacinque anni.

Prima di portarvi le testimonianze, però, voglio fermarmi a riflettere con voi su alcuni punti, facendovi qualche domanduccia fastidiosa:

1 Quando andate a fare shopping col partner, o sfogliate una rivista di vestiti e/o accessori vari con l’ intenzione di riceverne uno in dono, fingete che un articolo vi garbi? Ovviamente no, o siete così folli da farvi regalare qualcosa che non vi piace per nulla?

2 Quando uscite a cena, o quando lui/lei/loro/gli altri, vi preparano una cenetta romantica, mostrate particolare godimento cibandovi di qualcosa che non vi piace? Spero di no, a meno che non vogliate che il piatto vi venga riproposto all’ infinito!

3 Se leggete la trama di un libro che potrebbe essere tediante come la messa delle 7 di don Gigi, ne parlate in modo entusiasta con la speranza che ve lo donino visto che il vostro birthday è tra solo 24 ore? Forse si, ma solo se siete autolesioniste.

Ora vediamo perché, le donne con cui ho avuto l’ onore di parlare, simulano un orgasmo cosmico:

1 “Voglio compiacerlo, ho paura di ferirlo.”
Personalmente le balle sono l’ unica cosa che riescono a ferirmi, credo che la verità sia costruttiva, la menzogna distruttiva.
2 “Ho paura di perderlo.”
La verità non ci fa mai perdere nulla, le balle si!
3 “Non so bene cosa sia un orgasmo, così imito quello che vedo in tv, anche se in realtà non provo tutta questa gioia liberatoria descritta dalle mie amiche nel post-coito.”
Qui non ho nulla da aggiungere.
4 “Non vedo l’ ora che finisca e, sapendo che l’uomo si eccita tantissimo nel veder godere una donna, simulo per -finirlo-”
Anche qui ho poco da dire, ma forse sarebbe meglio prolungare godendo insieme…
5 “Non so bene perché lo faccio, ma fingendo provo comunque piacere!”
L’importante è godere, okkkk!!
6 “Sono una porno attrice, lo faccio per mestiere, ma non sempre fingo.”
Beh direi che non potresti far altro che fingere, è il tuo lavoro, ben fai e se godi ancora meglio 🙂

Cosa potrebbe succedere quando si finge godimento tra le lenzuola?
Ho elaborato due ipotesi, ovviamente ce ne sono altre, ma per oggi direi che sono sufficienti per farci riflettere un pochetto:

A
L’ illuso pensa di aver dato gioia infinita alla donna di turno e la saluta con l’ ego alle stelle. Fin qui è solo un problema di ego. La “tragedia sociale” ha inizio quando il convinto tombeur de femmes, galvanizzato dall’ esperienza precedente, ripropone il tutto alla nuova partner.
Il risultato è devastante anche con codesta poraccia, che però simula anch’essa piacere.
Il tizio va a casa e fa la somma delle partner godenti. L’ indagine statistica non mente: il 100% delle donne sono soddisfatte!
Questo significa che il suo metodo è infallibile, continuerà a mietere vittime, che a mio parere sono anche carnefici, convinto di essere il nuovo mito del sesso.
Risultato finale: donne insoddisfatte, isteriche e anche un po’ incaxxate.
Rimedi: se qualcuna avesse avuto il coraggio di dirgli che lei non provava piacere così, e che ognuno prova piacere a modo suo, lui avrebbe imparato qualcosa di nuovo. Con la prossima partner si sarebbe messo in discussione e magari avrebbe trovato una donna con cui essere felice per più di qualche ora e non solo trombando.

B
L’ uomo è molto attento alle sensazioni della partner, che sia di una sera o di una vita. Si accorge che lei sta fingendo ma non osa dirglielo.
Inizia a farsi seicentocinquantamila seghe mentali, il suo ego cade a pezzi, la sua autostima sessuale finisce al centro della terra e infine il suo signor Pene non risponde più ai comandi= disfunzione erettile secondaria!
Sono tragica, ma se riflettete un attimo vi rendete conto che non siamo lontani dalla realtà: la “masturbazione mentale” è una delle cause principali che porta a problematiche sessuali più o meno complicate.

Buona riflessione.

Daphne V.

Lascia un commento

Autore del post

Il nostro sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi