image
Daphne e la Sessuologia, Diseducazione sessuale

Giovedì (Miss G e l’arte di raccontarsi mille cazzate)

Giovedì

Ore 9.12
Il soffitto mi fissa

Oggi è il soffitto che guarda me, non io che guardo lui; fanculo!
La motivazione per alzare le chiappe dal letto è … il caffè con la mia assistente e la pianificazione del mese.
Perché devo pianificare il mese?
Non posso rimanere nel qui ed ora e aspettare che l’universo mi inondi?

Ore 10.00
Caffè

Questo caffè fa schifo, o forse è il fatto che ti sei lavata i denti prima di berlo che lo rende terrificante.

Terrificante; che parola affascinante.

-Daphne, mi stai ascoltando? Stai preparando le foto per il blog?-

Perché non mi lascia interloquire con la mia mente. Sto bevendo un caffè terrificante e meditando sul fascino di certe parole, cazzo, ho il diritto di deprimermi.

-Daphne, pianeta terra!!! Hai le foto, gli argomenti, hai preparato le cose che dovevi darmi entro oggi?-

L’ultima frase mi riporta con lei.

-No. Non ho preparato niente.
Ho lavorato, tanto: Miss G è sempre mortificata, Miss T ha problemi di erezione, Miss V non ha mai voglia. Sono stanca e ho fissato il soffitto! Sai quanto impegno ci vuole per fare ciò??-

Ore 14.00
Miss G

Miss G sta piangendo. Ho voglia di piangere con lei, così, tanto per non farla sentire sola nel gesto.
Oppure perché ciò che sta dicendo tocca una parte di me non completamente guarita.

-Oggi sono qui solo per piangere. Solo per piangere. Per fortuna che con te posso farlo. Devo far vedere a tutti che sto bene; i miei genitori hanno bisogno di me, mio figlio ha bisogno di me, devo mostrarmi forte!
Poi lui… mi ha raccontato un sacco di balle Daphne, un sacco. Come sempre.
E io oggi sono qui per piangere, ecco!”

Si soffia il naso, ha la faccia paonazza, il mascara che cola. È bellissima, peccato che non se ne renda conto.

-Miss G piangi pure. Quando hai finito cerchiamo qualcosa per cui ridere, per cui essere grate e magari anche un po’ felici.-

Per un secondo sembra che abbia recepito

-Si sì … per piangere vado già dalla psicologa, lo sai. Ma oggi è così mortificante vivere; lui si sente ancora con l’altra. Fanno sesso in chat! Sesso con i messaggi, ma ti rendi conto delle schifezze che fanno senza neanche toccarsi???-

L’educazione di Miss G non l’aiuta a poter comprendere questi tipi di approcci sessuali, tanto meno se i protagonisti sono lui e l’ altra.

-Miss G, sai che non siamo qui per giudicare lui, lei e l’altra. Siamo qui per te.
Vuoi un uomo che ti ha palesato, in modo più o meno chiaro, che non avete la stessa visione della coppia?-

Lui non le ha mai promesso niente, è sempre stato abbastanza chiaro, peccato che abbastanza non é sufficiente nel caso di Miss G.
Quando sei cresciuta in uno stato di totale anaffettività, anche poche briciole soddisfano il tuo micro stomaco.
Non mi sorprende la sua risposta affermativa, giustificata dalle seimila cazzate che si racconta e che tenta di rifilarmi.

-Voglio lui Daphne, promettimi che tornerà. Fammi ridere, ti prego, fai qualcosa oppure piango!-

La guardo.
Scoppio a ridere. Non la sto deridendo, lei lo sa e inizia a ridere con me.

-Miss G, cerca di vivere godendo di tutto ciò che la vita ti propone; frequenta persone più attempate di te, e pure più giovani. Nutriti dell’entusiasmo dei giovani e respira la saggezza degli anziani.
Al di là di ciò che può accadere, trasforma ogni esperienza in evoluzione-

-Dove sei ora Miss G?-

-Sono qui, qui ed ora Daphne. Ed è perfetto. Ho deciso, domani uscirò con il settantenne che mi ha invitato a cena, perché, come dici tu “ogni movimento porta cambiamento”. E come dici sempre tu “e tutti a fare in culo!”-

…continua…

Lascia un commento

Autore del post

Il nostro sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi