180F8928-5AF6-4F70-9391-24FF3CA01DBB
Diseducazione sessuale

Dolore e Masochismo

Per lunghi anni sono stata incapace di chiedere aiuto.
In quei momenti il dolore era con me.
Una presenza fissa.

-Mi trascino.
Vomito.
Non mangio.
Ho paura.
Sei con me, mio dolore.
Tu ci sei.
Non lasciarmi, almeno tu.
Stai qui.-

E lui rimane.
Con me.
In me.
Mi penetra sinuoso.
Con lenta gentilezza trasformandosi in prepotenza, si muove in me, mi accarezza, mi fustiga danzando.

È Difficile separarsi da chi si è sempre occupato di te.
Anche quando ormai la tua vita è pervasa dalla bellezza, anche quando tutto è luminoso.

Anche quando tutto è perfetto.

Dolore straziante, dolore limitante, dolore che si trasforma in piacere nel letto, nel sesso.

Mio dolore, mio amante, mio amore.
Sai quando arrivare.
E se non giungi ti cerco negli altri, ed altri ancora, per farti mio.
Sei mio.
Solo mio.
Ingorda di dolore: così presente, così fedele.

Come posso abbandonarti?
Come faccio a dirti che non mi servi più, ora che sto bene?

Torneresti se avessi ancora bisogno di te o fuggiresti sentendoti tradito?

Lascia un commento

Autore del post

Il nostro sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi