70A72B59-35BF-4512-82FE-14ED5B01254D
Deliri di una Diseducatrice Sessuale

Deliri di una Diseducatrice Sessuale giorno quarto

Deliri di una Diseducatrice sessuale
Giorno quarto

Ore 7.14
Nausea vs cefalea

Sto ancora cercando di convincermi che ho bevuto con ponderatezza ed è invece il tonno affumicato ad avermi dato noia.
-Quanto siete dementi. Questa mattina avete quattro assistiti, uno dietro l’altro, sarete veramente eccezionali. Mi complimento con noi!-
È in corso un dialogo tra le Daphne, vorrei tacessero.
-Sapete benissimo che darete il meglio di noi. Il nostro lavoro è una delle poche cose che sapete fare-
C’è una grande confusione tra le Daphne, tra il noi e il voi.
La mia, la nostra testa, duole.

Ore 13.33
La mummia

Sono putrefatta ma ho lavorato bene. Forse ancora meglio di altri giorni.
Questo tonno affumicato mi dà la carica!
Ora vorrei solo dormire, ma sulla tabella di marcia c’è l’apertura della casa estiva.
Vorrei sabotare i piani, ma so già che lui non me lo permetterà.
Sento la testa che duole, in lontananza il rumore di una moto che si ferma sotto casa; il maschione è giunto.

Evviva.

14.30
Partenza per la casetta estiva

Abbiamo caricato la macchina e siamo circa pronti per partire, il maschione viene in moto, per questo siamo circa pronti.

Lui ha una serie di riti lunghissimi; per prima cosa si infila una specie di proteggi spalle, poi ci sono i guanti, nel caso ci sia freddo ha anche i sotto guanti, prima del casco si infila una maschera alla Diabolik, poi il casco.
Il casco va allacciato e posizionato bene. Se lo sta controllando da almeno sessanta secondi.

-Non sei ancora pronto?-

Si è chinato e sta aprendo uno dei tre lucchetti vari collocati in diversi punti della moto.

-Si More, adesso andiamo-

Intanto si è seduto sulla sua regina.
Un paio di minuti contemplativi per trovare il contatto perfetto.
Non ne posso più e la testa mi scoppia.

-Andiamoooo? Io vado, ti aspetto dinnanzi alla nostra casetta!-

Ho interrotto il flusso tra lui e la sua amata.

-No More, aspetta, andiamo insieme come sempre.-

Finalmente accende la moto.
Grazie Dio.

16.04
Il frigorifero marcio

Io e il mio maschione entriamo felici nella nostra casetta, tronfi del fatto che si è mantenuta bene.
Questo ci permetterà di pulire meno e cazzeggiare di più; la nostra specialità.

-Maschione che bello, è tutto perfetto!-

Lui sta pulendo il camino, io voglio dedicarmi alle camere sopra, ma prima devo mettere via la spesa, tra cui i nostri amati tortelli.

Apro il frigorifero.
Un odore strano pervade le mie narici.
L’odore strano prende forma tramite i miei occhi; è saltata la corrente e tutti i surgelati sono andati in putrefazione.

Tutti compreso il pesce.

-È successa una cosa brutta-

Il mio maschione arriva verso me con gli attrezzi del camino, più si avvicina al frigo è più la sua espressione muta, passando da gioiosa a terrorizzata.

-Cos’è questo odore orrendo?-

Io sto calcolando quanto questo inconveniente andrà ad influire sui piani di cazzeggio vari.

-Vieni qui, guarda. Devi almeno guardare per sostenermi. Cacchio.-

Sospetto che mi dovrò sostenere da sola.
Il maschione è passato tenendo una distanza sufficiente per farmi capire che non avrà il minimo contatto con il frigorifero putrefatto.

-More vado a coprire la moto-

Non ci sono più dubbi: sono sola.

Ore 00.12
Pensieri pre attività onirica

-Caro inconscio puoi farmi capire tramite un sogno se la mia strada è perfetta?-

So che questa notte sognerò molto, perché sono convinta che, nonostante il tonno affumicato e il frigo in putrefazione. sia tutto perfetto …

…continua…

Lascia un commento

Autore del post

Il nostro sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi