image
Diario di Daphne Vibrante

Allegramente sola: giorno 31 “La monogamia”

Allegramente sola
Giorno 31

Ore 8.43
Allegramente meno sola

Apro gli occhi e vedo una mano appoggiata sul mio fianco, urca, sto sognando; c’è una cavolo di sexyMano che accarezza il mio fianco e la mia schiena, e c’è perfino una bocca che mi sta baciando….. addio mondo

Ore 11.12
Colazione a letto

Sto continuando a sognare, forse.
Vedo un ragazzo entrare in camera……ha un vassoio in mano…..sono un po’ rintronata.

Sento la sua bellissima voce “Sono andato a prenderti le tue adorate crostatine all’albicocca baby!”.

Odio essere chiamata con nomi diversi dal mio… puoi storpiare Daphne in mille modi se vuoi, ma i nomignoli mi fanno venire il vomito: baby, stella, tesoro, amore, piccola…. fanculo….. il mio nome è unico caxxo, usa quello.

Rifletto un attimo….cavolo è andato a prendermi le crostatine perché sa che mi garbano alquanto e io me la sto menando per il nome.

Lo guardo grata, dimentico il -Baby- “Cacchio GRAZIE bambolo!”

Orario indefinito
Riflessioni sulla monogamia

Credo fermamente nella monogamia, ma solo se abbiamo al nostro fianco una persona che ci completa.

Wilhelm Reich sosteneva che, quando siamo sessualmente soddisfatti, non andiamo alla ricerca di altri partner.

Adoro il fu Reich, volevo capire fino a che punto avesse ragione così, come sempre, ho cominciato a fare esperimenti su me stessa.

Ho avuto uomini che sessualmente mi appagavano parecchio; quando comunichi ciò che ti piace e apri un po’ la gabbia delle fantasie, non è difficile avere amanti semi-perfetti.

Purtroppo però con nessuno di essi mi sentivo completa, quindi non mi bastavano per tornare allo stato di pace e monogamia che fortunatamente ho conosciuto per svariati anni.

Per me è facile credere nella Coppia, ho vissuto in paradiso per quasi la metà della mia vita… ma qui e ora comprendo chi è convinto che la “poligamia” o la “poliandria”, siano la uniche soluzioni per sentirsi appagati…

Ore 19.54
Momento di sconforto

Le mie amate IeneFiglie arrivano in cucina, Cate ha un rotolo di carta igienica in mano e gli occhi gonfi, Cla invece la faccia da angioletto sofferente “Mamma, dobbiamo parlarti”

La mia mente inizia ad elaborare mille ipotesi, fortunatamente Clarissa la ferma: “Non preoccuparti, vogliamo solo chiederti se domani facciamo una giornata tutte insieme vagando per l’Ikea. Senza comprare nulla, andiamo solo a deridere un po’ i -Patogeni-, come li chiami tu!”.

Scoppio a ridere, ma non posso fingere di non vedere: una non sta bene da mesi e l’altra è emotivamente a pezzi “Ok ragazze, è un gran periodo di merda ma vi giuro che insieme lo superiamo e fanculo, non ho un soldo, ma domani vi porto all’Ikea!”

Ore 00.10
Portando castagnetta a spasso

Ho veramente poca voglia di portare fuori castagnetta, purtroppo però mi tocca!

In giro non c’è nessuno: solo io, Castagnetta e il Piero del Trash bar che sta scopando il marciapiede “Buonasera Daphne, vedo che stai facendo serata!”, scoppio a ridere “Hai visto? Non so chi è più fortunato tra me e te!”.

Mi sento davvero baciata dalla dea bendata, tra mezz’ora al massimo sarò arrotolata nel mio lettino, fatta su nei miei casini mentali, con la canzoncina della buona notte, coccolata dal silenzio e da Mr Universo….

Non mi manca nulla ❤❤❤❤❤

Scrivo un messaggio a Mr.Bambolo “Grazie Mr. B, gran bella crostatina!”…. upsss mi sono scordata che era un sogno, forse…

Notte
Daphne V.

Lascia un commento

Autore del post

Il nostro sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi